Il rapporto Legambiente sulla qualità dell'aria e il monitoraggio di OpenPuglia

E’ stato presentato qualche giorno fa il dossier Mal’aria di città 2016 di Legambiente in cui vengono analizzati, spiegati e messi a confronto attraverso tabelle e grafici i dati relativi all’inquinamento atmosferico (e acustico) nell’anno 2015 di 90 città in tutta Italia.  Sono 50 pagine in cui si capisce molto bene che la qualità dell’aria è di fatto una “emergenza che rischia di diventare cronica”. Non mancano le buone pratiche ma serve una azione più decisa ed incisiva da parte del governo e di chi amministra il territorio.

Se andiamo a vedere le tabelle pubblicate, in realtà mancano le città pugliesi. Segno che nonostante tutto e nonostante l’emergenza smog della fine dello scorso anno la situazione è migliore rispetto ad altre aree del Paese. Ciò non vuol dire che la qualità dell’aria nei nostri centri urbani non costituisca un problema.

A causa delle particolari condizioni meteo di questo periodo, stiamo infatti assistendo ad un peggioramento complessivo della qualità dell’aria anche nei principali centri pugliesi. La quantità di particolato rilevata dalle centraline di monitoraggio di ArpaPuglia (PM10 e PM2.5)  si sta attestando su valori al di sopra dei limiti consentiti, che ricordiamo essere di 50  µg/m3 (microgrammi per metro cubo) come valore limite giornaliero per il PM10 e 25 µg/m3 come valore limite annuale per il PM2.5. In realtà va tenuto conto che il limite fissato dalla normativa per il PM2.5 è comunque un limite elevato, visto che una raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale per la Sanità (OMS) indica tale limite addirittura a 10 µg/m3

Il monitoraggio della qualità dell’aria è stata una delle prime azioni messe in campo da OpenPuglia. Abbiamo cominciato a Gennaio 2015, è tutt’ora in corso e ad oggi abbiamo raccolto un anno di dati per tutti gli inquinanti e per tutte le centraline della rete di monitoraggio regionale di ARPA.

Possiamo ricostruire quindi facilmente attraverso visualizzazioni interattive quale è stato l'andamento in un anno delle medie giornaliere del PM10 e del PM2.5 per le principali città della Puglia. Abbiamo raggruppato le visualizzazioni in due pagine distinte. Ogni giorno i grafici vengono aggiornati con nuovi dati, dando quindi la possibilità di "avere sotto controllo" ed effettuare un monitoraggio costante della qualità dell'aria sui principali centri pugliesi.

Andamento PM10

Andamento PM2.5

L'indice della qualità dell'aria è un indice sintetico che "mette insieme" i valori di vari inquinanti rilevati e restituisce un valore che rappresenta la qualità dell'aria rilevata da quella particolare centralina di monitoraggio. Scompaiono quindi i vari inquinanti per lasciare il posto ad un unico indice numerico. Da 0 a 50 la qualità dell'aria è buona, da 50 a 100 mediocre, da 100 a 150 comincia a diventare insalubre e così via. In questo caso visualizziamo questo indice sintetico su una mappa, anche questa aggiornata giornalmente, che ci mostra la qualità dell'aria complessiva su tutta la Puglia.

Mappa Qualità dell'Aria